Foto di classe

Settimana scorsa ho dato la mia disponibilità per scattare una foto della classe di Eva, la classe Verde. Una delle sue maestre andrà in pensione e a noi genitori faceva piacere avere questo ricordo. E’ stato un anno difficile per questa scuola, ci sono state delle indagini, ne hanno parlato pure i giornali, l’educatrice indagata non era della classe di Eva ma tutta la scuola è uscita provata da questa brutta vicenda. E’ una scuola piccola , di sole cinque classi, una bella struttura circondata da un giardino, con le aule con grandi vetrate e un salone centrale. Quando Eva ha iniziato in questa scuola ero felice, non è automatico che si venga presi nella scuola da noi favorita, tutto è dettato dalle graduatorie. A settembre si ricomincia, ci saranno dei cambiamenti, alcune educatrici saranno trasferite, ne arriveranno delle nuove, speriamo che si ristabilisca un clima di serenità e fiducia.

Questa fotografia è stata scattata per prova prima che i bimbi uscissero in giardino, è stato divertente e anche emozionante fare la foto di classe, c’erano le maestre e quasi tutti i compagni di Eva, le persone con le quali ha condiviso tanto in questi due anni.

Buon compleanno Anita!

Oggi la piccolina di famiglia compie due anni, oramai i compleanni delle mie bimbe sono un appuntamento fisso e ogni volta penso a quale fotografia racchiuda un ricordo particolare dell’ultimo anno.


Era il mese di marzo, stava per venire a piovere e dovevamo andare a casa di amiche (amica mia la mamma, amiche di Eva e Anita le figlie). Bisognava fare in fretta ma nulla, Anita era impegnatissima a spingere il piccolo passeggino e ogni due per tre prendeva il bambolotto in braccio, gli faceva le coccole e lo riponeva nel passeggino, avrei potuto innervosirmi ma la tenerezza ha preso il sopravvento, come poteva essere altrimenti…
Buon compleanno Anita!

“Svetlana” alla galleria Il Vicolo

Ieri sera si è inaugurata la mostra diffusa Fotografare storie, cinque mostre d’autore organizzata da Icon e Icon Design in occasione di Milano Photo Week, cinque gallerie tra via Maroncelli, via Quadrio e via Farini a Milano ospitano cinque proiezioni curate da Paola Corapi. “Svetlana” si trova alla galleria Il Vicolo in via Maroncelli 2. Grazie a chi è passato e a tutta la redazione di Icon, è stata una bella serata!

 

FOTOGRAFARE STORIE. 5 mostre d’autore.

Sono felice di partecipare in buona compagnia di amici e colleghi alla mostra fotografica diffusa a cura di Icon organizzata in occasione di Milano Photo Week. “Svetlana”, un lavoro al quale sono molto legata, sarà proiettato nella galleria Il Vicolo in via Maroncelli 2. Un grazie speciale a Paola Corapi e naturalmente a Svetlana e a tutta la sua bellissima famiglia. Ci vediamo lunedì 5 giugno dalle ore 18.00!

 

Emma Morano

Nel 2011 mi fu commissionato da un settimanale che stava preparando un articolo sui centenari, di fare un ritratto a Emma Morano, questo è il genere di commissionati che amo. La incontrai nella sua casa a Pallanza, una frazione di Verbania. Era nata nel 1899 e viveva da sola nel suo piccolo appartamento di due stanze. Da anni oramai non usciva più di casa. Si preparò il pranzo e mi raccontò che si mangiava ogni giorno tre uova e della carne trita, questo secondo lei era il segreto della sua longevità, oltre a un goccino di grappa ogni tanto, e questo era un vizetto che aveva pure mia nonna morta a quasi 100 anni, che da brava istriana si metteva un goccino di grappa artigianale nel caffè. Emma ha vissuto più di un secolo, gli orrori di due guerre, ha avuto una vita non certo priva di dolori, aveva perso un bimbo a pochi mesi e aveva deciso, scelta molto coraggiosa per l’epoca, di lasciare il marito che la picchiava. Mi ha ispirato subito una gran simpatia, una vecchietta ancora arzilla e vivace. Ho letto che qualche giorno fa Emma ci ha lasciato, aveva 117 anni.

Emma nella sua camera. Pallanza, 2011

E son cinque anni!

Oggi è il compleanno di Eva, compie già cinque anni. Ho pensato a quale fotografia postare e alla fine ne ho scelta una di questa estate. Eravamo all’isola d’Elba, ospiti da degli amici, in una situazione molto bella e serena. Il giorno prima di partire Daniele aveva tagliato con la macchinetta i capelli di Eva, dopo ripetuti trattamenti non eravamo riusciti a debellare i maledetti pidocchi e così zac! Per Eva è stato un piccolo shock, io l’ho trovata bellissima, in pochi minuti ho avuto la sensazione di trovarmi di fronte una bimba più grande. Tornati dalle vacanze ho ritirato i rulli e mi sono trovata questa fotografia che in parte ha confermato la mia impressione. Buon compleanno piccola mia!

Eva, Isola d’Elba, agosto 2016

Stampe per Natale

Fra due giorni è Natale, quest’anno ho deciso di regalare ai miei famigliari delle belle stampe di mie fotografie, ho chiesto loro di dirmi la foto che preferivano guardando il mio sito. Ero curiosa di conoscere le loro scelte.
Mio fratello e sua moglie Chiara hanno optato per  questo ritratto di mio papà nella cucina di casa dei miei nonni in Croazia. Fa parte del lavoro Mi chiamavo Kocijančič

48_a

Mia sorella e suo marito Andrea hanno scelto una fotografia di mia nonna

My grandmother

e una della casa dove viveva insieme a mio nonno e ai miei prozii. Una casa che amo particolarmente e che non so che fine farà. Recentemente avevo sperato che ci andassero a vivere i miei genitori e mia sorella con la sua famiglia ma questo progetto è purtroppo sfumato.

The house of my grandparents and my great-uncles

I miei suoceri mi avevano da tempo chiesto questa fotografia di Daniele e Eva piccolina scattata nella camera della casa dei nonni di mio marito. Nelle due foto accanto allo specchio sono ritratti i genitori di mia suocera. Tre generazioni!

IMG_5972

Infine mi sono regalata una piccola stampa, una fotografia scattata a Conegliano a giugno di quest’anno delle mie bimbe.

48_d

E’ curioso che abbiamo scelto tutti fotografie familiari, sarà il Natale!

Oggi mi è stato regalato un fiore

Eva, Milano, dicembre 2016

Oggi ho ricevuto in dono un fiore, me lo ha portato mio marito, è un fatto eccezionale. Eva, mia figlia maggiore si è offesa tantissimo perchè pensava fosse per lei 🙂